CALABRIA: Avviso pubblico per il sostegno alle attività ricettive, della ristorazione e dei servizi turistici e culturali nei borghi della Calabria

HomeGenericoCALABRIA: Avviso pubblico per il sostegno alle attività ricettive, della ristorazione e dei servizi turistici e culturali nei borghi della Calabria

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 31/10/2018

Territorio di riferimento: Regione Calabria

Oggetto: Sostenere le imprese nei settori della ricettività extralberghiera, della ristorazione di qualità e dei servizi turistici e culturali.

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda:
– a. le piccole e medie imprese PMI, (tra le quali fanno parte le associazioni e i lavoratori autonomi), indipendentemente dalla loro forma giuridica purché esercitano un’attività economica.
– b. le persone fisiche che intendono costituire una impresa.
Alla data di presentazione della domanda, i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:
a) Per le imprese esistenti: essere in possesso della Partita IVA e, ove previsto dalla legge, essere iscritti al Registro delle Imprese e/o altri registri, repertori, albi o ruoli tenuti dalla Camera di Commercio e/o altri enti pubblici;
b) Le persone fisiche che intendono costituire un’impresa o avviare un’attività autonoma, devono dimostrare, prima della sottoscrizione dell’Atto di adesione e d’obbligo, il possesso della Partita IVA e, ove previsto dalla legge, dell’iscrizione al Registro delle Imprese e/o altri registri, repertori, albi o ruoli tenuti dalla Camera di Commercio e/o altri enti pubblici.
c) L’immobile in cui si realizza il progetto imprenditoriale deve essere localizzato in uno dei comuni della Calabria, con esclusione di quelli rientranti nella Strategia Regionale per le Aree Urbane (DGR n. 326 del 25 luglio 2017) fatte salve le zone “A” ovvero le “città storiche” degli strumenti urbanistici vigenti delle stesse aree urbane;

AMBITO DI APPLICAZIONE
Ambito 1 – Potenziamento e qualificazione della ricettività extralberghiera:

Le attività di cui alla Legge Regionale n. 34 del 7 agosto 2018 di seguito elencate:
a) Affittacamere, Bed and Breakfast, Locanda;
b) Ostelli per la gioventù, Centri soggiorno studi;
c) Rifugi escursionistici;
d) Residenza d’Epoca e Dimore Storiche.

Ambito 2 – Rafforzamento e qualificazione delle strutture della ristorazione: Attività riconducibili ai seguenti Codici ATECO 2007:

  • 56.10.11 Ristorazione con somministrazione;
  • 56.10.12 Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole;
  • 56.10.30 Gelaterie e pasticcerie;
  • 56.30. 00 Bar e altri esercizi simili senza cucina.

Ambito 3 – Rafforzamento del sistema dei servizi turistici e culturali:Attività riconducibili ai seguenti Codici ATECO 2007:

  • 47.64.20 – Commercio al dettaglio di natanti e accessori;
  • 49.31.00 “Trasporto terrestre di passeggeri in aree urbane e suburbane”;
  • 49.32.10 Trasporto con Taxi;
  • 49.32.20 Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente;
  • 49.39.01 Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o suburbano;
  • 49.39.09 Altre attività di trasporti terrestri di passeggeri nca;
  • 50.10.00 Trasporto marittimo e costiero di passeggeri
  • 50.30.00 Trasporto di passeggeri per vie d’acqua interne (inclusi i trasporti lagunari);
  • 59.11.0 Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi;
  • 59.12.0 Attività di post-produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi;
  • 59.14.0 Attività di proiezione cinematografica;
  • 59.20.2 Edizione di musica stampata;
  • 59.20.3 Studi di registrazione sonora;
  • 74.10.10 Attività di design di moda e design industriale
  • 74.20.20 Laboratori fotografici per lo sviluppo e la stampa
  • 77.11.00 Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri;
  • 77.21.01 Noleggio di biciclette;
  • 77.21.09 Noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative;
  • 79.90.20 Attività delle guide e degli accompagnatori turistici;
  • 93.19.92 attività delle guide naturalistiche;
  • 93.21.00 Parchi di divertimento e parchi tematici;
  • 95.29.02 Riparazione di articoli sportivi (escluse le armi sportive) e attrezzature da campeggio (incluse le biciclette)
  • 94.99.60 Attività di organizzazioni per la promozione e la difesa degli animali e dell’ambiente
  • 85.51.00 Scuola di equitazione;
  • 93.11.90 Con riferimento alla sola “gestione strutture per sport equestri”

Le seguenti attività sono ammissibili solo nei centri storici e nei borghi:

  • 47.11.40 – Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari;
  • 47.78.32 – Commercio al dettaglio di oggetti d’artigianato;
  • 47.64.1 – Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero;
  • 47.78.36 – Commercio al dettaglio di chincaglierie e bigiotteria;
  • 79.11.00 Attività delle agenzie di viaggio;
  • 79.12.00 Attività dei tour operator;
  • 82.30.00 Organizzazione di convegni e fiere.

Le seguenti attività sono ammissibili solo nei borghi:

  • 90.04.00 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche;
  • 91.01.00 Attività di biblioteche ed archivi;
  • 91.02.00 Attività di musei

Progetti finanziabili: Le finalità dell’Avviso sono coerenti con le iniziative avviate in ambito nazionale per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni dal MIBAC (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali) che ha proclamato il 2017 quale “Anno Nazionale dei Borghi”, con i principi sanciti nella Legge 6 ottobre 2017, n. 158 “salva borghi” e con gli interventi per il sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche e per la qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa previsti dalla Programmazione Unitaria 2014/2020.
Le iniziative imprenditoriali devono riferirsi ad uno dei seguenti ambiti di intervento:
– Ambito 1 – Potenziamento e qualificazione di ricettività extralberghiera, di cui alla Legge n.34 del 7 agosto 2018;
– Ambito 2 – Rafforzamento e qualificazione delle strutture della ristorazione di qualità;
– Ambito 3 – Rafforzamento del sistema dei servizi turistici e culturali.

Spese ammissibili: Le spese ammissibili per la realizzazione degli interventi sono le seguenti:

a) progettazioni, studi di fattibilità economico-finanziaria, spese di fidejussione;

b) macchinari, impianti, arredi ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale del proponente, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni;

c) interventi edilizi solo sul patrimonio edilizio esistente (riqualificazione, recupero, restauro e risanamento conservativo, manutenzione ordinaria e straordinaria) nel rispetto delle norme edilizie e urbanistiche vigenti;

d) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali del proponente, dritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale;

e) servizi pubblicitari e di comunicazione atti alla promozione congiunta dei servizi offerti, della destinazione e del brand turistico regionale;

f) l’imposta di registro, se afferente all’operazione;

g) spese per consulenze legali, parcelle notarili e spese relative a perizie tecniche o finanziarie, nonché le spese per contabilità o audit, se direttamente connesse all’operazione cofinanziata e necessarie per la sua preparazione o realizzazione;

h) le spese afferenti all’apertura di uno conto bancario esclusivamente dedicato all’operazione;

i) le spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari.

Retroattività: No. Possono beneficiare dell’agevolazione solo le proposte progettuali con “avvio dei lavori” successivo alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Agevolazioni:
Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto
Intensità dell’agevolazione:
a) 100% delle spese ammissibili fino al limite di € 70.000,00 per progetto e fino al contributo massimo concedibile in regime de minimis per i progetti presentati da imprese a prevalente gestione e partecipazione giovanile fino a 29 anni compiuti alla data di presentazione della domanda:
i) per le imprese individuali: il titolare deve essere un giovane;
ii) per le società di persone e per le cooperative: maggioranza numerica di giovani superiore al 50% della compagine sociale e del capitale;
iii) per le società di capitali e soggetti consortili: le quote di partecipazione al capitale devono essere per almeno i 2/3 di proprietà di giovani e gli organi di amministrazione devono essere costituiti per almeno i 2/3 da giovani.
b) 60% delle spese ammissibili fino al contributo massimo concedibile in regime de minimis cumulabili fino ad una intensità massima del 80%, come segue:
– di 10 punti percentuali per i progetti presentati da imprese a prevalente gestione e partecipazione femminile e/o giovanile (fino a 35 anni compiuti alla data di presentazione della domanda):
i) per le imprese individuali: il titolare deve essere una donna o un giovane;
ii) per le società di persone e per le cooperative: maggioranza numerica di donne (e/o giovani) superiore al 50% della compagine sociale e del capitale;
iii) per le società di capitali e soggetti consortili: le quote di partecipazione al capitale devono essere per almeno i 2/3 di proprietà di donne (e/o giovani) e gli organi di amministrazione devono essere costituiti per almeno i 2/3 da donne (e/o giovani);
– di 10 punti percentuali per i progetti con unità operativa in Comune calabrese con territorio compreso totalmente o parzialmente nel perimetro di un Parco nazionale o regionale.

Regime di aiuto: de minimis.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata
  • Preventivi di spesa

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.