FRIULI VENEZIA GIULIA-Provincia Udine: Internazionalizzazione

HomeGenericoFRIULI VENEZIA GIULIA-Provincia Udine: Internazionalizzazione

Tempistica: Le domande possono essere presentate dal 17/02/2017 al 15/11/2017

Territorio di riferimento: Regione Friuli Venezia Giulia – Provincia Udine

Oggetto: La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Udine (di seguito indicata come CCIAA di Udine), nel quadro delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere e sostenere la competitività delle micro, piccole e medie imprese della provincia di Udine attraverso l’assegnazione di voucher multi servizi a copertura di parte delle spese sostenute con la partecipazione ad iniziative di internazionalizzazione.

Soggetti proponenti: Le imprese, le cooperative ed i consorzi, che rientrino nella definizione di micro, piccola e media impresa secondo la normativa comunitaria recepita a livello nazionale, con sede e/o unità locale destinataria dell’investimento nella provincia di Udine.

Progetti finanziabili: Sono agevolabili, attraverso la concessione di voucher, le spese sostenute dalle imprese della provincia di Udine per la partecipazione ad una o più iniziative sui mercati esteri sulla base delle iniziative confermate e attivate in seguito alla segnalazione sull’apposita sezione dedicata, denominata “internazionalizzazione”, del proprio sito istituzionale, dalla Camera di Commercio di Udine e dalla Sua Azienda Speciale Imprese e Territorio.

Spese ammissibili: Il voucher supporta il costo di una o più delle seguenti iniziative sulla base del programma pubblicato sull’apposita Sezione dedicata, denominata “internazionalizzazione” del proprio sito istituzionale, dalla Camera di Commercio di Udine:

  • missioni economiche/imprenditoriali all’estero ed in Italia;
  • partecipazioni a fiere all’estero ed in Italia;
  • partecipazione ad esposizioni, anche a carattere temporaneo, all’estero ed in Italia;
  • partecipazioni a workshop o “visite studio” collettive a fiere, esposizioni, eventi di rilevo internazionale, territori esteri tipo “cluster” per settori definiti dell’economia friulana, all’estero ed in Italia.

I servizi connessi alle predette iniziative possono comprendere:

  • check up preliminare con esperto paese
  • attività formativa, erogata dall’Azienda Speciale I.TER della CCIAA DI UDINE, specifica sulle tematiche di internazionalizzazione e/o del Paese oggetto dell’iniziativa oggetto della domanda di contributo,
  • interpretariato
  • organizzazione incontri B2B, visite individuali, visite conoscitive collettive, organizzazione workshop o “visite studio” collettive
  • catalogo collettiva
  • tassa d’iscrizione alla fiera, affitto superficie espositiva, allestimento, spazio pre-allestito
  • spedizioni materiale e campioni
  • pacchetto viaggio, alloggio e trasferimenti collettivi e/o in loco
  • servizi legati al follow-up.

Sono ammissibili le sole spese fatturate dalla CCIAA di Udine e/o dall’Azienda Speciale I.TER della stessa Camera di Commercio e/o dagli altri soggetti organizzatori.

Retroattività: No. Le spese devono essere sostenute – fatturate e pagate – dopo la presentazione della domanda di contributo ed entro il 2 aprile 2018 ad esclusione della tassa di iscrizione alle fiere (che possono avere data antecedente) e delle spese relative a iniziative di internazionalizzazione segnalate dalla Camera di Commercio in data antecedente alla pubblicazione del presente bando (a partire dal 1° novembre 2016).

Agevolazioni: L’agevolazione concedibile per ciascuna domanda consiste in un contributo a fondo perduto, in conto capitale sulle spese sostenute e ritenute ammissibili nella percentuale massima del 50% e precisamente:

  • Voucher A dell’importo di Euro 2.500,00 (al lordo delle ritenute di legge) a fronte di una spesa minima da parte dell’impresa di Euro 5.000,00 IVA esclusa, regolarmente fatturata;
  • Voucher B dell’importo di Euro 1.000,00 (al lordo delle ritenute di legge) a fronte di una spesa minima da parte dell’impresa di Euro 2.000,00 IVA esclusa, regolarmente fatturata

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata;
  • Copia delle fatture

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.