fbpx

Friuli Venezia Giulia: Assunzioni a tempo indeterminato

HomeGenericoFriuli Venezia Giulia: Assunzioni a tempo indeterminato
assunzioni_friuli_venezia_giulia_

Assunzioni, incentivi a fondo perduto per interventi di politica attiva del lavoro

Tempistica: Le domande devono essere presentate dal 2/01/2019 al 31/08/2019, prima dell’assunzione o in ogni caso entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui si è verificato l’evento.

Territorio di riferimento: Regione Friuli Venezia Giulia

Oggetto: Incentivi per interventi di politica attiva del lavoro

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda:
1. imprese e loro consorzi, associazioni, fondazioni e soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria;
2. cooperative e loro consorzi;
aventi sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia Soggetti destinatari
I disoccupati* residenti nella Regione FVG, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione, appartenenti ad una delle seguenti categorie:
1. donne;
2. uomini di età non inferiore a 60 anni;
3. uomini disoccupati o a rischio disoccupazione a seguito di una situazione di grave difficoltà occupazionale dichiarata con decreto dell’Assessore regionale competente in materia di lavoro, o anche riconducibile alla crisi industriale complessa di Trieste.
*Per disoccupato si intende colui il quale ha acquisito lo stato di disoccupazione ai sensi della normativa nazionale o regionale, ed ha reso la dichiarazione di immediata disponibilità ai sensi della normativa nazionale e regionale.

Progetti finanziabili: Vengono finanziate:
1. Le assunzioni con contratti a tempo indeterminato anche parziale non inferiore al 70%
Per essere ammissibili a incentivo, le assunzioni a tempo indeterminato soddisfano tutti i seguenti requisiti:
a) non riferirsi a posti di lavoro che si siano resi liberi, a seguito di licenziamenti, nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda, salvo che le nuove assunzioni avvengano per l’acquisizione di professionalità diverse da quelle dei lavoratori licenziati;
b) non riguardare lavoratori che abbiano acquisito lo stato di disoccupazione a seguito della cessazione di un precedente rapporto di lavoro subordinato con il medesimo datore di lavoro richiedente, intervenuta nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda;
c) avere ad oggetto rapporti di lavoro che si svolgono nel territorio regionale;
d) non riguardare soggetti che siano amministratori o legale rappresentante, titolare di impresa individuale, libero professionista, titolare di impresa individuale, libero professionista del beneficiario ovvero in caso di trasferimento d’azienda dell’impresa cedente. La presente disposizione non trova applicazione nelle ipotesi di inserimento in qualità di soci – lavoratori in cooperativa;
e) qualora effettuate da ditte individuali o da esercenti le libere professioni in forma individuale, non riguardare il coniuge, i parenti o gli affini entro il secondo grado del datore di lavoro.
2. gli inserimenti lavorativi a tempo indeterminato dei soggetti destinatari in qualità di soci lavoratori di cooperative.
Per essere ammissibili a incentivo, gli inserimenti lavorativi in cooperativa non devono riferirsi a posti di lavoro che si siano resi liberi nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda a seguito di recesso od esclusione di un socio, salvo che gli inserimenti lavorativi avvengano per l’acquisizione di professionalità diverse da quelle dei soci receduti o esclusi.

Retroattività: No

Agevolazioni:
Tipologia di agevolazione: contributo a fondo perduto
L’incentivo è pari a € 7.000,00.
Incremento di € 1.000,00 in caso di:

  • Individuazione del disoccupato attraverso preselezione del CPI
  • Disoccupati a seguito di situazione di Grave Crisi Occupazionale
  • Disoccupati da almeno 12 mesi

Incremento di € 3.000,00 in caso di:

  • assunzione di donne con contratto di lavoro a tempo pieno, con almeno un figlio di età fino a cinque anni non compiuti; l’incentivo viene ulteriormente incrementato di € 3.000,00 nel caso in cui il datore di lavoro dispone di almeno una delle seguenti tipologie di misure di welfare aziendale per la conciliazione tra vita lavorativa e impegni di cura dei propri cari:

1. flessibilità dell’orario di lavoro o banca delle ore;
2. nido aziendale o convenzionato;

  • assunzione di uomini e donne di età non inferiore a 60 anni la cui disoccupazione deriva da un contratto con riconoscimento della qualifica dirigenziale, con contratto di lavoro con riconoscimento della qualifica dirigenziale a tempo pieno.

Gli incrementi sono cumulabili.
Regime di aiuto: de minimis

Documentazione:

  • Copia del documento d’identità del Legale Rappresentante
  • Copia del documento d’identità del soggetto destinatario

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.

Per conoscere altre opportunità di finanziamento consultate il nostro sito