MARCHE – Provincia Macerata: Partecipazione a fiere

HomeGenericoMARCHE – Provincia Macerata: Partecipazione a fiere

Tempistica: La domanda deve essere presentata entro il 31 dicembre 2018.

Territorio di riferimento: Regione Marche – Provincia Macerata

Oggetto: Favorire i processi di internazionalizzazione.

Soggetti proponenti: Sono ammesse ai contributi del presente bando le imprese della provincia di Macerata che, al momento della presentazione della domanda:

  • abbiano sede legale e/o unità locale nella provincia di Macerata;
  • non abbiano beneficiato o beneficino di altri contributi pubblici per l’abbattimento dei costi per le stesse voci di spesa;
  • siano imprese iscritte al Registro imprese.

Ciascuna impresa, pena l’esclusione, potrà presentare la domanda per l’avvenuta partecipazione ad una sola fiera (nazionale o internazionale).

Progetti finanziabili: E’ finanziabile la partecipazione a manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero.
Per “manifestazioni fieristiche” si intendono le attività limitate nel tempo e svolte in regime di libera concorrenza, in idonee strutture espositive per la presentazione, la promozione o la commercializzazione di beni e servizi.
Le manifestazioni fieristiche in Italia devono comunque avere carattere internazionale, pena l’inammissibilità della domanda.
Non sono riconosciute, ai fini del contributo, le partecipazioni a:
– esposizioni permanenti di beni e servizi organizzate per esclusive finalità promozionali (es.showroom);
– esposizioni marginali a scopo promozionale o commerciale organizzate collateralmente a manifestazioni convegnistiche o culturali ad esse connesse;
– business meeting, convegni;
– manifestazioni di interesse tipicamente locale, quali esposizioni locali, regionali, nazionali senza finalità di internazionalizzazione (intese a garantire la possibilità di presenza o di partecipazione attiva su mercati e business internazionale), le sagre paesane, le feste patronali e le iniziative folcloristiche locali;
– mercati di ambulanti e i mercatini occasionali, periodici o rionali;
– mostre ed esposizioni a carattere non commerciale di opere d’arte;
– mostre zoologiche e mostre filateliche, numismatiche o mineralogiche, quando non abbiano una prevalente finalità commerciale o di scambio;
– le attività di vendita di beni e servizi disciplinate dalla normativa relativa al settore del commercio in sede fissa o su aree pubbliche.

Spese ammissibili: Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:
1. noleggio spazi espositivi ed allestimento, incluse le seguenti spese accessorie di allestimento: allacciamenti e consumi elettrici ed idrici, pulizia dello stand;
2. assicurazioni collegate all’esposizione in fiera;
3. iscrizione al catalogo ufficiale;
4. trasporto del materiale da allestimento ed espositivo;
5. interpretariato;
6. assistenza tecnica e partecipazione a corsi di formazione specialistica per la preparazione ai mercati internazionali;
7. partecipazione ad iniziative promozionali a pagamento previste dal programma ufficiale della fiera (worshop, BtoB, etc).
Le imprese che, pur avendo sostenuto costi, abbiano rinunciato alla partecipazione alla fiera, per qualsivoglia motivo, non saranno ammesse a contributo.

Retroattività: Si. Si fa riferimento a manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero, svolte dal 10 gennaio al 31 dicembre 2018.

Agevolazioni: Il contributo viene concesso in misura pari a quanto di seguito specificato:

1. Fiere in Italia: 50% dei costi sostenuti, al netto dell’IVA, per le voci di cui sopra fino ad un massimo di 1.000,00 Euro;

2. Fiere all’estero (in paesi UE): 50% dei costi sostenuti, al netto dell’IVA, per le voci di cui sopra fino ad un massimo di 2.000,00 Euro;

3. Fiere all’estero (in paesi EXTRA UE): 50% dei costi sostenuti, al netto dell’IVA, per le voci di cui sopra fino ad un massimo di 2.500,00 Euro.

Il contributo a fondo perduto concesso per singola azienda sarà al lordo delle ritenute d’acconto del 4%.
Regime di aiuto: de minimis.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata
  • Fatture di spesa.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.