MARCHE – Provincia Ascoli Piceno: Bando Sisma 2016/2017

HomeGenericoMARCHE – Provincia Ascoli Piceno: Bando Sisma 2016/2017

Tempistica: La domanda deve essere presentata a partire dalle ore 00,00 del 15 novembre 2017 e fino alle ore 24,00 del 31 dicembre 2017

Territorio di riferimento: Regione Marche – Provincia Ascoli Piceno

Oggetto: Sostenere le imprese che hanno subito danni a seguito degli eventi sismici del 24 agosto 2016

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le imprese aventi sede produttiva nei comuni della provincia di Ascoli Piceno interessati dagli eventi sismici a partire dal 24 agosto 2016.
Requisiti di ammissione
Sono ammesse le imprese che:

  • Hanno una scheda FAST e/o AEDES, redatte dalla Autorità competenti a partire dal 24 agosto 2016 per la propria sede o unità locale.
  • Non hanno di scheda FAST e/o AEDES ma insistono in zone immediatamente adiacenti ad aree interessate da ordinanza di interdizione al transito di veicoli e pedoni del Comune competente, resa necessaria dai recenti eventi sismici.

Sono escluse:

  • le imprese che beneficiano di altri contributi pubblici per le stesse voci di spesa;
  • le imprese che presentano domanda al Bando investimenti 2017 della Camera di Commercio di Ascoli Piceno.

Progetti finanziabili: Sono ammesse a contributo le azioni sostenute per le seguenti tipologie di intervento, riferite alla sola sede o unità locale interessata dai recenti eventi sismici:

AZIONE 1)

a. la messa in sicurezza dell’impresa attraverso l’adozione di interventi locali di miglioramento sismico, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi impianti in edifici già esistenti al fine di garantirne la sicurezza statica;

b. costi tecnici quali progettazione, direzione lavori, sondaggi geologici, perizie giurate, ecc., riferiti all’impresa richiedente ed eseguiti da professionisti abilitati ed iscritti a Elenco speciale;

c. il rilascio delle certificazioni utili al ripristino/proseguo delle attività economiche, compresa quella della vulnerabilità sismica;

d. l’assistenza tecnica per la progettazione e implementazione di piani di sviluppo commerciale e/o di marketing finalizzati al rilancio ed al riposizionamento dell’attività economica;

e. l’acquisto di software, applicazioni ICT, tecnologie per la connettività alla banda larga ed ultra larga, installate presso l’unità predetta.

AZIONE 2)

  • danni indiretti, ovvero quelli legati alla riduzione del fatturato per uno dei seguenti periodi:
    – 1 settembre 2016 – 31 dicembre 2016 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente;
    oppure
    – 1 febbraio 2017 – 31 maggio 2017 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

AZIONE 3)

a. interessi di sospensione del mutuo/finanziamento e dei prestiti applicati dagli istituti bancari.

b. interessi per l’accensione di nuovi mutui/finanziamento e prestiti presso gli istituti bancari per consolido o nuovi investimenti.

Retroattività: Le azioni devono essere sostenute dalle imprese nel periodo 24 agosto 2016 – 31 dicembre 2017

Agevolazioni:

Per l’AZIONE 1) il sostegno riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute di cui all’art.3, documentate e presentate (al netto dell’IVA se dovuta), sino ad un massimo di contributo di 5.000 euro.
Per l’AZIONE 2) sostegno riconoscibile è pari al 50% della differenza del valore del fatturato dichiarato nei due periodi di riferimento, su importi al netto dell’IVA, sino ad un massimo di contributo di 5.000 euro.
Per l’AZIONE 3) il sostegno riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo di cui ai punti a) e/o b), documentate e presentate (al netto dell’IVA se dovuta), sino ad un massimo di contributo di 5.000 euro. Solo per il consolido, il contributo è calcolato su un finanziamento standard di importo pari a quello finanziato, considerando un tasso del 3% e un piano di ammortamento con rate mensili costanti e con durata fissa di 5 anni.

Documentazione:

– Visura camerale aggiornata,
– copia del documento di identità del sottoscrittore della domanda di partecipazione in corso di validità,
– la scheda FAST e/o AEDES redatte dalla Autorità competenti a partire dal 24 agosto 2016 o ordinanza di interdizione al transito di veicoli e pedoni del Comune competente, resa necessaria dai recenti eventi sismici

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.