MARCHE – Provincia Fermo: Bando per la concessione di incentivi economici alle Imprese, per la ripresa delle attivita’ economiche e produttive nei territori colpiti dagli eventi sismici a partire dal 24 Agosto 2016

HomeGenericoMARCHE – Provincia Fermo: Bando per la concessione di incentivi economici alle Imprese, per la ripresa delle attivita’ economiche e produttive nei territori colpiti dagli eventi sismici a partire dal 24 Agosto 2016

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 31/10/2018

Territorio di riferimento: Regione Marche – Provincia Fermo

Oggetto: Sostenere la ripresa produttiva dell’area colpita dagli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le PMI aventi i seguenti requisiti:

  • con sede legale, o unità locali o sedi secondarie, nei Comuni della Provincia di Fermo interessati dagli eventi sismici a partire dal 24 agosto 2016, o che dimostrino di svolgere un’attività, anche temporanea, nei suddetti comuni (ad esempio commercio ambulante, contratti per servizi da svolgere in loco, con obbligazioni di fare non fare ecc.);
  • con sede legale, o unità locali o sedi secondarie nella provincia di Fermo, siano destinatarie di provvedimento di sgombero e/o in possesso di scheda Fast o Ades;
  • non abbiano beneficiato o beneficino di altri contributi pubblici per l’abbattimento dei costi per le stesse voci di spesa;
  • Iscritte presso il registro imprese della Camera di commercio di Fermo;
  • attive alla data del sisma del 24 agosto 2016, come risultante dal Registro Imprese dell’Ente camerale.

Progetti finanziabili e spese ammissibili: Sono ammissibili le seguenti tipologie di interventi:
LINEA 1
o acquisto riacquisto e/o di riparazione dei beni danneggiati, di beni mobili strumentali anche usati quali impianti, macchinari e attrezzature adibiti all’esercizio di attività d’impresa;
LINEA 2
o acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti, esclusivamente se danneggiati dal sisma e non più utilizzabili per la produzione o commercializzazione;
o la messa in sicurezza dell’impresa attraverso l’adozione di interventi locali di miglioramento sismico (DM 14 gennaio 2008 e Circolare 2 febbraio 2009, n. 617), l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi impianti in edifici già esistenti al fine di garantirne la sicurezza statica;
o costi tecnici quali progettazione, direzione lavori, sondaggi geologici, perizie giurate, ecc., riferiti all’impresa richiedente ed eseguiti da professionisti abilitati ed iscritti a Elenco speciale;
o il rilascio delle certificazioni utili al ripristino/proseguo delle attività economiche, compresa quella della vulnerabilità sismica;
LINEA 3
o spese per le attività di assistenza tecnico-specialistica, finalizzate allo sviluppo e al rilancio dell’attività produttiva;
o spese per l’acquisizione di nuovi software e/o applicazioni ICT, nonché di tecnologie per la connessione alla banda larga ed ultra larga;
o spese per la realizzazione di iniziative promozionali e/o pubblicitarie e/o commerciali attraverso i canali tradizionali e/o mediante i canali web/social;
o spese per la partecipazione a fiere e mercati.
I potenziali beneficiari possono presentare istanza per le tre tipologie di intervento.

Retroattività: Sono ammesse tutte le spese sostenute nel periodo dal 29 marzo 2018 al 31 ottobre 2018

Agevolazioni: Il contributo riconoscibile è pari al:
a) per la Linea 1 il 20% dell’importo complessivo delle spese sostenute e ammesse, acquisto riacquisto e/o di riparazione dei beni danneggiati, di beni mobili strumentali anche usati quali impianti, macchinari e attrezzature sino ad un massimo di Euro 5.000,00;
b) per la Linea 2 il 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute e ammesse per l’acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti (danneggiati), spese per la messa in sicurezza dell’impresa, costi tecnici, il rilascio delle certificazioni utili al ripristino/proseguo delle attività economiche, compresa quella della vulnerabilità sismica sino ad un massimo di Euro 5.000,00;
c) per la Linea 3 il 50% dell’importo complessivo delle spese sostenute e ammesse per le attività di assistenza tecnico-specialistica, spese per l’acquisizione di nuovi software e/o applicazioni ICT, nonché di tecnologie per la connessione alla banda larga ed ultra larga, spese per la realizzazione di iniziative promozionali e/o pubblicitarie e/o commerciali attraverso i canali tradizionali e/o mediante i canali web/social, sino ad un massimo di Euro 5.000,00.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata;
  • nel caso di beni strumentali, compresi i macchinari e le attrezzature, una relazione descrittiva del programma di acquisto, riacquisto e/o di riparazione dei beni danneggiati, con l’indicazione dettagliata dei relativi costi e con copia delle fatture relative alle spese sostenute e delle relative quietanze;
  • nel caso di scorte e/o di prodotti di consumo una relazione descrittiva del programma di riacquisto e/o ripristino delle scorte di magazzino corrispondenti al valore delle scorte danneggiate e il dettaglio dei relativi costi, con copia delle fatture relative alle spese sostenute e delle relative quietanze, in alternativa, la dichiarazione, sotto forma di autocertificazione, del legale rappresentante dell’impresa, attestante il regolare ripristino dei beni;
  • spese per le attività di assistenza tecnico-specialistica, una relazione descrittiva del programma di sviluppo e al rilancio dell’attività produttiva, con l’indicazione dettagliata dei relativi costi e con copia delle fatture relative alle spese sostenute e delle relative quietanze;
  • spese per l’acquisizione di nuovi software e/o applicazioni ICT, nonché di tecnologie per la connessione alla banda larga ed ultra larga, una relazione descrittiva del programma di acquisto, riacquisto e/o di riparazione dei beni danneggiati, con l’indicazione dettagliata dei relativi costi e con copia delle fatture relative alle spese sostenute e delle relative quietanze;
  • spese per la realizzazione di iniziative promozionali e/o pubblicitarie e/o commerciali attraverso i canali tradizionali e/o mediante i canali web/social, una relazione descrittiva del programma di sviluppo e al rilancio dell’attività produttiva, con l’indicazione dettagliata dei relativi costi e con copia delle fatture relative alle spese sostenute e delle relative quietanze.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.

ALLEGATO 1: COMUNI DELLA PROVINCIA DI FERMO RIENTRANTI TRA I COMUNI DI CUI AL COSIDDETTO CRATERE SISMICO IN BASE AL DECRETO-LEGGE 17 OTTOBRE 2016, N. 189 (COORDINATO CON LA LEGGE DI CONVERSIONE 15 DICEMBRE 2016, N. 229).
PROVINCIA DI FERMO: primo cratere Amandola, Montefortino; secondo cratere Belmonte Piceno,
Falerone, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Rinaldo, Monte Vidon Corrado,
Montefalcone Appennino, Montegiorgio, Monteleone, Montelparo, Ortezzano, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano, Smerillo.