News-NAZIONALE: Startup e Investimenti

HomeGenericoNews-NAZIONALE: Startup e Investimenti
start-up-investimenti-bandi-regionali

Startup e Investimenti, i principali bandi regionali

In corso iniziative in Sicilia, Sardegna, Marche, Lazio ed Emilia-Romagna volte a favorire l’avvio di imprese e lo sviluppo della competitività:

  • La Sicilia ha previsto finanziamenti per le aree di crisi industriale non complessa con un incentivo pari al 50% degli investimenti ammissibili. Il contributo in conto impianti non può superare il 75% degli interventi ammissibili. È ammessa la presentazione della domanda fino al 2 luglio.
  • In Sardegna sono previsti incentivi per le Mpmi in fase di start up e di avviamento, siano esse già costituite da massimo cinque anni o da costituire. Le agevolazioni sono dirette alle imprese operanti nel settore della ricettività e del turismo che effettuino investimenti materiali e immateriali: sono finanziabili beni strumentali produttivi, servizi, formazione, spese rientranti nel capitale circolante. Il valore minimo di investimento è di 15mila euro. Il contributo è pari al 50% dell’investimento a fondo perduto. La scadenza per la presentazione delle domande è prevista per il 30 giugno.
  • Nelle Marche la principale novità riguarda le imprese che hanno già realizzato, dal 24 agosto 2016, o che intendono realizzare investimenti produttivi in attivi materiali ed immateriali. Il bando si rivolge alle Pmi con sede nei comuni del cratere sismico e prevede un investimento minimo di 20mila euro (fino un massimo di 1,5 milioni). Alle imprese è richiesto l’impegno a realizzare l’investimento entro 18 mesi dalla data di adozione del provvedimento regionale di concessione dell’agevolazione. La scadenza per le richieste di finanziamento è il 25 maggio.
  • Nel Lazio c’è il bando “Innovazione sostantivo femminile” a cui potranno partecipare le imprese a totale o parziale partecipazione femminile. L’agevolazione finanzia gli investimenti in innovazione di processo o di prodotto, oltre che quelle che avranno come obiettivo la Social innovation. Il contributo a fondo perduto concesso è pari al 70% degli
    investimenti, fino ad un massimo di 30mila euro.
  • In Emilia-Romagna sono previsti incentivi per le attività commerciali al dettaglio che vogliano promuovere e sostenere l’innovazione nei sistemi di vendita e di servizi annessi tramite nuove tecnologie. Possono presentare domanda di finanziamento: imprese individuali, società, consorzi e società consortili. Il contributo ottenibile è pari al 40%,
    elevabile fino al 50% in particolari casi, e può avere un massimale di 50mila euro. La scadenza prevista per la presentazione delle domande è il 11 luglio.

Hai in mente di fare investimenti e vuoi conoscere le opportunità che il mondo della Finanza Agevolata potrebbe concedere alla tua azienda? Riempi il form presente su questo link, sarai contattato in tempi rapidi dal nostro Ufficio Commerciale