Provincia di Roma, Bando Reti d’Impresa

HomeGenericoProvincia di Roma, Bando Reti d’Impresa
provincia_di_Roma_bando_reti_impresa_

Bando Reti d’Impresa, Sostenere i percorsi di aggregazione delle imprese

Tempistica: Le domande possono essere presentate dal 1/12/2018 al 30/08/2019

Territorio di riferimento: Regione Lazio – Provincia Roma

Oggetto: Sostenere i percorsi di aggregazione delle imprese in rete

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le reti d’impresa dotate di soggettività giuridica (cd. rete-soggetto), che, alla data di presentazione, risultino iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Roma.
La rete-soggetto deve essere attiva ed in regola con il pagamento del diritto annuale e deve essere costituita da almeno 10imprese con sede legale e/o unità locale nella provincia di Roma

Progetti finanziabili: Sono ammissibili le spese imputabili in maniera chiara e diretta al progetto o programma di rete e appartenenti ad una delle seguenti categorie:
a) spese consulenziali e professionali finalizzate alla costituzione della rete, alla fattibilità economica, tecnica o finanziaria del progetto o programma di rete o alla redazione di un business plan;
b) spese amministrative finalizzate alla gestione della rete, ivi incluse le spese relative al manager di rete;
c) spese di formazione per il personale della rete o per i retisti relative al progetto o programma per il quale è costituita la rete;
d) spese per acquisizione e/o deposito di brevetti, marchi e diritti di licenza strumentali alla realizzazione del progetto di rete;
e) spese per la realizzazione o l’aggiornamento del sito internet della rete ovvero spese per l’assistenza informatica per gli strumenti e gli applicativi di gestione della rete o della clientela;
f) spese per azioni di marketing funzionali alla valorizzazione della rete o al suo sviluppo commerciale (analisi del posizionamento, monitoraggio della concorrenza, profilazione dei consumatori, interventi integrati e di sistema per la clientela);
g) spese pubblicitarie (riviste, radio, televisione, web, social network) e per materiale pubblicitario (realizzazione logo, brochure, pieghevoli, vestiario, cartellonistica) della rete, ed eventuali traduzioni, con esclusione delle sponsorizzazioni;
h) organizzazione e partecipazione a eventi, fiere, mostre o rassegne con esclusivo riferimento ai costi di affitto e allestimento dell’area espositiva o interpretariato.

Investimento minimo: € 5.000,00

Bando Reti d’Impresa, sostenere le Imprese al progetto o programma di rete

Spese non ammissibili: Sono, in ogni caso, escluse le spese:
– per costi del personale;
– i costi relativi a iscrizioni o documentazioni o certificati da effettuare presso il Registro delle Imprese;
– relative a trasferimenti, viaggi e soggiorni;
– relative a rimborsi spese e simili;
– relative a beni di consumo;
– per servizi connessi alle spese di funzionamento dei soggetti beneficiari;
– per adeguamento ad obblighi di legge;
– di manutenzione ordinaria o straordinaria;
– i cui pagamenti sono effettuati tramite compensazioni di qualsiasi genere;
– qualsiasi forma di autofatturazione;
– pagate in contanti ovvero con modalità che non consentano la tracciabilità dei pagamenti.

Retroattività: Le spese devono essere sostenute direttamente dalla rete che presenta la domanda, a partire dal 1/12/2018 e entro il 30/09/2018

Agevolazioni: Il contributo è pari al 50% delle spese ammesse al netto dell’IVA ove soggettivamente detraibile, entro il tetto massimo di € 10.000,00 a beneficiario.
Regime di aiuto: de minimis.

Documentazione:

  1. Contratto di rete e il programma o progetto di rete;
  2. Relazione sull’intervento realizzato e sulle spese sostenute, da cui si evincano le finalità e gli scopi perseguiti nell’ambito del progetto o programma di rete e degli obiettivi condivisi;
  3. Copia dei documenti fiscalmente validi relativi agli interventi realizzati, accompagnati dalla documentazione attestante l’avvenuto pagamento, costituita da: copia del bonifico bancario o postale, copia dell’assegno, copia delle ricevute di pagamento con modalità elettroniche (bancomat o carta di credito) e copia dell’estratto conto che dimostri il trasferimento di denaro. Alla documentazione deve essere, altresì, allegato ogni altro materiale utile a comprovare l’effettivo svolgimento dell’intervento;
  4. Copia di un documento di identità in corso di validità del dichiarante.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.

Per conoscere altre opportunità di finanziamento consultate il nostro sito