VENETO: Programma regionale di intervento per la concessione di contributi a favore delle Imprese agricole finalizzati al pagamento delle commissioni previste per le operazioni di garanzia prestate dai consorzi di garanzia collettiva fidi (CONFIDI)

HomeGenericoVENETO: Programma regionale di intervento per la concessione di contributi a favore delle Imprese agricole finalizzati al pagamento delle commissioni previste per le operazioni di garanzia prestate dai consorzi di garanzia collettiva fidi (CONFIDI)

Tempistica: Le domande possono essere presentate entro il 24/10/2018

Territorio di riferimento: Regione Veneto

Oggetto: Interventi per il credito a favore delle imprese agricole mediante il sostegno ai costi sostenuti da parte delle imprese agricole per l’accesso alle prestazioni di garanzia prestate dai Consorzi di garanzia collettiva fidi (Confidi)

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda le imprese agricole, attive nella produzione primaria di prodotti agricoli, che:
a) siano condotte da imprenditore agricolo;
b) conducano un’azienda, in Veneto, con dimensioni economica pari ad almeno 12.000 euro di Produzione Standard totale in zona montana e ad almeno 15.000 euro di Produzione Standard totale nelle altre zone;
c) siano iscritte al registro delle imprese presso la C.C.I.A.A.;
d) siano iscritte all’Anagrafe regionale del Settore primario, con posizione debitamente validata;
e) sottoscrivano le dichiarazioni per la concessione di aiuti in “de minimis” contenute nei modelli approvati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e disponibili, per lo scarico, nel sito di AVEPA.

Progetti finanziabili: Il meccanismo di intervento prevede la concessione di contributi in conto capitale alle imprese agricole allo scopo di far fronte al pagamento delle commissioni previste per le garanzie prestate da Consorzi di garanzia collettiva fidi (Confidi) collegate a operazioni creditizie accese dall’impresa presso istituti bancari.

Spese ammissibili: Sono ammissibili all’agevolazione i costi sostenuti per le prestazioni di garanzia fornite dai Consorzi di garanzia collettiva fidi (Confidi) a fronte di prestiti a breve e medio termine, della durata compresa fra 12 e 60 mesi, accesi dalle imprese agricole per:

  • sostenere le spese anticipate per il completamento del ciclo produttivo-colturale fino alla vendita dei prodotti;
  • effettuare investimenti funzionali all’attività produttiva aziendale.

Retroattività: La stipula del contratto con il Consorzio di Garanzia non può essere anteriore all’11 novembre 2017, data di inizio della campagna agraria 2017-2018.

Agevolazioni: Il contributo massimo viene calcolato applicando i coefficienti riportati nella sottostante tabella all’importo garantito.
L’importo massimo del contributo è pari a 2.500,00 €, incrementabili a 3.000,00 € nel caso di imprese condotte da soggetti di età non superiore a 40 anni o da donne.
I valori esposti in tabella rappresentano il premio teorico di mercato della garanzia calcolato prendendo a riferimento il metodo nazionale per il calcolo dell’elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI (N 182/2010). Per le garanzie sussidiarie viene applicata una riduzione forfetaria pari al 30% dei coefficienti relativi alla garanzia diretta.

Durata garanzia

mesi

Coefficiente massimo omnicomprensivo da applicare all’importo garantito

(premio teorico di mercato della garanzia)

  Garanzie dirette a prima richiesta Garanzie sussidiarie
12 2,30% 1,61%
24 3,45% 2,42%
36 4,61% 3,23%
48 5,77% 4,04%
60 6,93% 4,85%

In ogni caso il contributo non può essere superiore agli importi massimi previsti.

Per le operazione di credito a breve termine, l’importo garantito che beneficia dell’aiuto non può essere inferiore a 25.000,00 € per azienda.
Per le operazioni di credito a medio termine l’importo garantito che beneficia dell’aiuto non può essere inferiore a 50.000,00 € per azienda.
L’aiuto finanziario regionale, in ogni caso, non potrà essere superiore all’ammontare delle commissioni richieste dal Confidi per la fornitura della garanzia.
Regime di aiuto: de minimis.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata
  • fotocopia del documento di identità in corso di validità del sottoscrittore;
  • copia in originale del contratto di garanzia, debitamente firmato, con esplicitati:
    a. il tipo di garanzia fornita, diretta a prima richiesta o sussidiaria,
    b. le commissioni che verranno applicate all’operazione
    In alternativa, lettera di disponibilità del Consorzio di Garanzia a concedere la fideiussione richiesta completa delle informazioni relative al tipo di garanzia e alla commissione applicabile.
  • dichiarazione per la concessione di aiuti in “de minimis” secondo i modelli approvati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e disponibili, per lo scarico, nel sito di AVEPA.

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.