VENETO: PSR 2014-2020 Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

HomeGenericoVENETO: PSR 2014-2020 Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Tempistica: Le domande devono essere presentate entro il 13/04/2018

Territorio di riferimento: Regione Veneto

Oggetto: Migliorare le prestazioni economiche di tutte le aziende agricole e incoraggiare la ristrutturazione e l’ammodernamento delle aziende agricole, in particolare per aumentare la quota di mercato e l’orientamento al mercato nonché la diversificazione delle attività

Soggetti proponenti: Possono presentare domanda:
a) Agricoltori;
b) Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.

Tipo di Intervento 4.1.1 applicato nell’ambito del Pacchetto giovani:
a) Giovani agricoltori che presentano domanda a valere sul tipo di Intervento 6.1.1 e scelgono questo intervento nell’ambito del progetto integrato aziendale (Pacchetto Giovani).

Progetti finanziabili: Sono ammissibili le seguenti tipologie di interventi:

1) Interventi di miglioramento fondiario: sistemazioni fondiarie e idraulico-agrarie; impianti colture arboree da frutto; miglioramento di prati e pascoli);

2) Costruzione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento, commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;

3) Acquisto/Acquisto con ristrutturazione/Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;

4) Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali con utilizzo di materiale da costruzione che migliori l’efficienza energetica;

5) Investimenti per l’eliminazione e sostituzione dell’amianto;

6) Investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio, il trattamento e la gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra;

7) Acquisto di macchine e attrezzature;

8) Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione):
a) Investimenti per l’agricoltura di precisione
b) Attrezzature per l’agricoltura conservativa
c) Attrezzature volte alla riduzione della dispersione dei prodotti fitosanitari:

  • Dispositivi per agevolare il riempimento della macchina irroratrice e prevenire l’inquinamento durante tale operazione
  • Dispositivi per il lavaggio dei contenitori vuoti dei prodotti fitosanitari
  • Attrezzature per la distribuzione dei prodotti fitosanitari finalizzate alla riduzione dell’inquinamento ambientale e certificate ENAMA-ENTAM
  • Atomizzatori a tunnel con pannelli recuperatori
  • Atomizzatori con convogliatori d’aria a torretta
  • Atomizzatori con diffusori multipli orientabili
  • Barre irroratrici con campana antideriva
  • Barre irroratrici con ugelli antideriva e distribuzione assistita mediante manica d’aria.

d) Attrezzature per il diserbo meccanico localizzato

e) Attrezzature per la distribuzione e l’interramento dei liquami zootecnici

f) Sistemi per il miglioramento del benessere degli animali (ventilazione, raffrescamento, illuminazione, gestione dell’acqua di abbeveraggio, condizioni di stabulazione.

g) Automazione operazione di mungitura con sistemi di controllo in continuo della qualità del latte

h) Investimenti per la preparazione e gestione automatizzata delle razioni alimentari

9) Investimenti per la produzione di energia, a esclusivo uso aziendale, a partire da:
i. fonti agro-forestali
ii. fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, eolico, geotermico)
iii. reflui provenienti dall’attività aziendale.

10) Adozione di sistemi, impianti e tecnologie irrigue, ivi compresa la realizzazione di invasi aziendali (dedotte eventuali entrate), finalizzati al risparmio idrico e alla tutela delle falde: Intervento non ammissibile nel presente bando;

11) Investimenti volti alla depurazione delle acque reflue derivanti dall’attività di trasformazione dei prodotti;

12) Investimenti finalizzati alla difesa attiva volti a proteggere le coltivazioni dagli effetti negativi degli eventi meteorici estremi e dai danni derivanti dagli animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori;

13) Investimenti in hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC), al commercio elettronico, all’acquisizione di competenze digitali (e-skills) e all’apprendimento in linea (e-learning) nonché allacciamento alla rete.

14) Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità;

15) Interventi finalizzati alla decontaminazione dell’acqua da PFAS.

Negli allevamenti avicoli per la riconversione, l’ammodernamento e l’accrescimento del livello di benessere animale, gli interventi eleggibili sono i seguenti:

  • Interventi di cui ai numeri 2) e 3) limitatamente a:
    a. Ricovero per avicoli
    b. Ammodernamento pavimentazione e sistemi di raccolta acque di lavaggio
  • c. Locali per uso servizi, spogliatoi e zone filtro
    d. Piazzole di movimentazione
    e. Piazzole di carico e scarico dei materiali d’uso e degli animali situate all’ingresso dei capannoni,
    f. lavabili e disinfettabili
    g. Barriere all’ingresso dell’allevamento (sbarre o cancelli)
    h. Impianto elettrico
    i. Impianto idraulico e antiincendio
    j. Impianto termico (riscaldamento)
    k. Impianto climatizzazione e condizionamento
  • Interventi di cui al numero 6) limitatamente a:
    a. Copertura delle strutture di stoccaggio della pollina
  • Interventi di cui al numero 7) limitatamente a:
    a. Celle frigorifere mobili per gestione capi morti
    b. Attrezzature di pulizia e disinfezione dei veicoli
    c. Attrezzature di pulizia e disinfezione dei ricoveri
    d. Sistemi di caricamento dei mangimi dall’esterno delle recinzioni
  • Interventi di cui al numero 8) limitatamente a:
    a. Sistemi per il miglioramento dell’efficienza energetica degli allevamenti (relativamente agli impianti di ventilazione, raffrescamento, illuminazione)
    b. Sistemi per il miglioramento della gestione dell’acqua di abbeveraggio
    c. Sistemi per il miglioramento delle condizioni di stabulazione e del benessere animale
    d. Investimenti per la preparazione e gestione automatizzata delle razioni alimentari
  • Interventi di cui al numero 12) limitatamente a:
    a. Reti anti intrusione di volatili selvatici

Spese ammissibili: Sono ammessi i costi sostenuti per investimenti strutturali, impianti, attrezzature, hardware e software. Sono altresì ammesse le spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.

Spese non ammissibili:
1) spese per investimenti non iscrivibili e/o non iscritti fra i cespiti ammortizzabili pluriennali e considerati nella gestione annuale dell’impresa;
2) impianti ed attrezzature usati;
3) investimenti effettuati allo scopo di ottemperare a requisiti comunitari obbligatori;
4) investimenti destinati a semplice sostituzione di impianti ed attrezzature esistenti;
5) acquisto di beni immobili che abbiano già fruito di finanziamento pubblico nel corso dei 10 anni precedenti;
6) acquisto di terreni;
7) acquisto di diritti di produzione agricola;
8) acquisto di diritti all’aiuto;
9) acquisto di animali, piante annuali e loro messa a dimora;
10) acquisto di macchinari ed attrezzature per la produzione e la commercializzazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero-caseari;
11) investimenti finanziabili nell’ambito della OCM vitivinicola;
12) investimenti diretti all’aumento della capacità di trasformazione e immagazzinamento nel settore dell’olio d’oliva;
13) realizzazione di impianti fotovoltaici collocati a terra;
14) acquisto di fabbricati da procedura fallimentare.

L’importo massimo ammesso a finanziamento è pari a:

  • 600.000,00 €/impresa, nell’arco di quattro anni, a decorrere dal 1 gennaio 2014.
  • 1.200.000,00 €, nell’arco di quattro anni, a decorrere dal 1 gennaio 2014, nel caso di cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.

L’importo minimo di spesa ammissibile per domanda è pari a 8.000 € nelle zone montane e a 15.000 € nelle altre zone.

Retroattività: No.
I termini per la realizzazione degli investimenti ammessi e la presentazione della richiesta di saldo, a decorrere dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto del decreto di concessione dell’aiuto da parte di AVEPA, sono i seguenti:
i. sette mesi, per l’acquisto di attrezzature;
ii. diciotto mesi per la realizzazione di opere e impianti tecnologici, in pianura;
iii. ventiquattro mesi per la realizzazione di opere e impianti tecnologici, in zona montana.
Nel caso di investimenti misti riguardanti contestualmente le due tipologie di investimenti il termine per la realizzazione corrisponde comunque a quello previsto ai precedenti punti (ii.) o (iii)

Agevolazioni: I contributi, calcolati sulla spesa ammessa, sono così modulati:

  Investimenti per la trasformazione/commercializzazione* Altri investimenti
  Zona montana Altre zone Zona montana Altre zone
– Imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento

 

– Giovani agricoltori che presentano domanda per il sostegno all’insediamento nell’ambito del Pacchetto Giovani

 

 

 

 

40%

 

 

 

 

40%

 

 

 

 

60%

 

 

 

 

50%

Altre imprese agricole 40% 40% 50% 40%

Per trasformazione si intende: qualsiasi trattamento di un prodotto agricolo in cui il prodotto ottenuto resta pur sempre un prodotto agricolo. Non vengono considerate trasformazione le attività svolte nell’azienda agricola necessarie per preparare un prodotto animale o vegetale alla prima vendita.
Per commercializzazione si intende: la detenzione o l’esposizione di un prodotto agricolo allo scopo di vendere, mettere in vendita, consegnare o immettere sul mercato in qualsiasi altro modo detto prodotto, ad eccezione della prima vendita da parte di un produttore primario a rivenditori o a imprese di trasformazione, e qualsiasi attività che prepara il prodotto per tale prima vendita; la vendita da parte di un produttore primario a consumatori finali è considerata commercializzazione di un prodotto agricolo se avviene in locali separati, adibiti a tale scopo.

Documentazione:

  • Visura camerale aggiornata
  • Copia del documento d’identità del soggetto richiedente
  • Preventivi di spesa

La Profima Srl si riserva la facoltà di richiedere, attraverso i suoi progettisti, documentazione ulteriore e aggiornata ai fini della progettazione.